Via Giuseppe Garibaldi 94/A 03761510046 info@laboomdesign.com

Social network

Con l’espressione social network si identifica un servizio informatico online che permette la realizzazione di reti sociali virtuali.

Generalmente, i social network prevedono una registrazione mediante la creazione di un profilo personale protetto da password e la possibilità di effettuare ricerche nel database della struttura informatica per localizzare altri utenti e organizzarli in gruppi e liste di contatti. Le informazioni condivise variano da servizio a servizio e possono includere dati personali, sensibili (credo religioso, opinioni politiche, inclinazioni sessuali ecc.) e professionali.

Sui social network gli utenti non sono solo fruitori, ma anche creatori di contenuti.

La rete sociale diventa un ipertesto interattivo tramite cui diffondere pensieri, idee, link e contenuti multimediali.

I primi s. n. sono nati negli Stati Uniti a metà degli anni Novanta con l’intenzione di formare delle comunità virtuali fornendo servizi di interazione (theGlobe.com) o spazio web gratuito (GeoCities).

Nel 2002 è stato lanciato Friendster che inaugurava la tendenza di offrire all’utente un profilo pubblico da compilare, la possibilità di organizzare i contatti in gruppi di ‘amici’ e di interagire attraverso vari strumenti messi a disposizione dal servizio (chat, messaggistica, e-mail). Il sito ha avuto un successo immediato, ma ben presto è stato scalzato da quelli che diventeranno i colossi del settore: Facebook, MySpace e il cinese QQ.com.

La seconda metà del decennio è stata segnata anche dall’ascesa di s. n. tematici come aNobii (dedicato al mondo dei libri) e LinkedIn (lavoro) o che adottano strumenti particolari come Twitter (servizio di microblogging) e FriendFeed (aggregatore). Il social networking costituisce oggi una delle forme più evolute di comunicazione on line e, anche se è pressoché impossibile fornire un numero complessivo, gli utenti sono in costante crescita.

La presenza di dati sensibili ha portato in primo piano il problema della privacy degli iscritti. Facebook, il s. n. con più utenti al mondo, è corso ai ripari estendendo a metà 2010 il sistema di protezione dei contenuti che permette all’internauta di scegliere che cosa far vedere e a chi.